7 suggerimenti per creare contenuti che convertono

da | Content marketing

In questo articolo condivido come creare strategicamente contenuti che convertono effettivamente il tuo pubblico.

Perché sì, ovviamente vogliamo che i nostri contenuti siano utili e fonte di ispirazione per il nostro pubblico in modo che possa connettersi maggiormente con il nostro brand e interagire con noi, ma abbiamo anche bisogno del nostro content marketing per incoraggiare quel pubblico a “convertirsi” (ad es. diventare clienti, iscriversi alla newsletter etc)

1. Conosci il tuo pubblico e cosa vuole

So che parlo di conoscere e capire il tuo cliente ideale/pubblico quasi in modo asfissiante ma è davvero la chiave di tutto nel marketing per creare contenuti che convertono.

Quando hai una chiara comprensione di chi è il tuo cliente ideale, diventa molto più facile sapere quali tipi di contenuti creare, a cosa saranno interessati e che tipo di messaggi e testi puoi utilizzare per attirare e invogliarli a fare il passo successivo.

2. Scopri cosa significa per te una conversione

Prima di iniziare a creare contenuti devi sapere cosa significa per te una “conversione” in questo contesto. Aziende diverse hanno idee diverse su cosa potrebbe essere una conversione, ad esempio:

  • Vendere un prodotto/servizio
  • Ricevere una richiesta di contatto via e-mail
  • Chiedere a qualcuno di prenotare una chiamata conoscitiva
  • Ottenere un nuovo contatto nella tua mailing list

Chiariscilo prima perché sapere quale obiettivo vuoi raggiungere ti aiuterà a creare contenuti che convertono, che ti supportano nel raggiungomento di quell’obiettivo.

3. Prendi confidenza con la vendita

La vendita non deve essere squallida o disgustosa. Si tratta semplicemente di mostrare il valore che offri al tuo pubblico, perché non tutti sapranno tutto di te e di ciò che offri. Parte del tuo pubblico potrebbe non rendersi nemmeno conto che vendi X prodotti o offri X servizi.

Puoi creare contenuti incentrati sulla risoluzione dei loro problemi e su come la tua offerta, che si tratti di un prodotto o di un servizio, può diventare la soluzione alle cose da cui si sentono sfidati o con cui lottano. Questo è utile per loro e non squallido.

4. …ma non concentrarti sempre sulla vendita

Sebbene sia importante creare contenuti che stimolino le conversioni, non tutti i contenuti devono essere focalizzati sulla vendita. Mescola contenuti che abbiano lo scopo di ispirare o educare il tuo pubblico, poiché questo tipo di contenuto può aiutare a creare fiducia, aumentando le probabilità che le persone si “convertano” quando è il momento giusto.

5. Crea contenuti altamente pertinenti

Per incoraggiare le conversioni devi creare contenuti altamente pertinenti per il tuo pubblico, concentrandoti sulle sue esigenze, sfide e desideri.

Oltre a questo, assicurati che i tuoi contenuti siano sempre pertinenti a ciò che offri e alla tua esperienza. Non ha senso creare un post sull’argomento X e poi chiedere a qualcuno di acquistare un prodotto che non ha rilevanza rispetto a quel contenuto. È qui che la vendita può diventare strana e squallida, ma soprattutto manipolatrice!

6. Crea messaggi accattivanti

Con questo intendo il testo, i punti chiave e gli elementi che includi nei tuoi contenuti. I messaggi che stai trasmettendo dovrebbero essere chiari, concisi e persuasivi senza essere invadenti. Provare a includere le tue intuizioni e storie, o anche incorporare testimonianze e casi di studio di clienti precedenti può essere un ottimo modo per creare un’opinione in merito alla tua offerta.

7. Call to action solo quando serve (non sempre)

Un invito all’azione chiaro e di facile comprensione è essenziale per favorire le conversioni. Ma la call to action non è da utilizzare sempre, al contrario di quello che avrai spesso letto. Ci sono contenuti incentrati sul coinvolgimento dove non è necessario che tu scriva un invito all’azione perché l’obiettivo di questi contenuti è già quello di stimolare una conversazione (o un salvataggio) e non è necessario stimolare ulteriormente l’utente con domande prive di senso.

Invece, forse chiederai in modo esplicito a qualcuno di iscriversi alla tua newsletter, acquistare un prodotto/servizio che stai lanciando o mettersi in contatto con te. Oppure invece di chiedere solo di “andare al link nella biografia, andare a questa pagina e fare clic su questo link” nella didascalia di Instagram, potresti collegarli direttamente alla pagina giusta nelle tue storie.

Questi sono solo alcuni dei modi in cui puoi facilitare la conversione del tuo pubblico. Vanno utilizzati strategicamente e non a caso in modo tale da non sembrare ripetitivi o banali quando li utilizzerai per invitare il tuo pubblico a compiere un’azione.

Nell’area risorse gratuite del mio sito troverai diversi contenuti gratuiti e strumenti utili che possono esserti di supporto nello sviluppo e gestione della tua attività.

Hai bisogno di ispirazione?

Iscriviti per ricevere la mia posta ricca di risorse utili e suggerimenti creativi! Avrei anche accesso alla mia area riservata ricca di workbook e strumenti di lavoro gratuiti.

"*" indica i campi obbligatori

Nome*
una postazione di lavoro che descrive il blog di Silvia Matzeu

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This